Licata: Gli scout e A Testa alta ricordano Salvatore Bennici ucciso dalla mafia

- in Attualità, Eventi
1859
@Paolo Picone

LICATA – L’associazione “A testa alta” ed il gruppo scout Licata 3 hanno tenuto un momento di riflessione e confronto nel luogo dove, il 25 giugno 1994, due sicari di Cosa nostra uccisero Salvatore Bennici, l’imprenditore edile di Licata che aveva “osato” ribellarsi al racket delle estorsioni, denunciando alla polizia le minacce e le intimidazioni ricevute. Un momento voluto e organizzato per ricordare, anche attraverso la testimonianza dei familiari di Salvatore Bennici questa triste pagina di storia cittadina a lungo rimossa dalla coscienza collettiva e per lanciare un appello all’impegno concreto di tutti nel contrastare la mafia, le sue infiltrazioni e la sua rete di appoggi, rifiutando e denunciando ogni forma di ricatto, malaffare e corruzione. La cerimonia si è svolta in via Palma, presso quello che era il cantiere edile di Salvatore Bennici.