Licata, Domani i funerali di Alessandro ed Angelo: proclamato il lutto cittadino

- in Cronaca
1554
@Paolo Picone

angelo bonvissuto ed alessandro famà vittime della stradaLicata, ore 11:30 – Si svolgeranno domani, sabato 28 marzo alle 17 al santuario di Sant’Angelo di Licata, i funerali “congiunti” di Alessandro Famà, 23 anni e di Angelo Bonvissuto, 30 anni entrambi di Licata, morti ieri pomeriggio nell’incidente stradale sulla statale 115 tra Licata e Palma di Montechiaro all’altezza del bivio per Torre di Gaffe. I due sfortunati ragazzi viaggiavano a bordo di un fuoristrada, un Pick up, condotto da Vincenzo Salvati,  fortunatamente illeso ma sotto choc, che si è scontrato con un pulmino, una sorta di taxi driver sul quale viaggiavano insegnanti di Cammarata, Agrigento, Palma di Montechiaro e Favara che stavano tornando da Gela e Vittoria dopo una giornata di lavoro. Lo schianto mortale si è registrato all’altezza di una curva, con l’asfalto bagnato e reso scivoloso dalla pioggia. Alessandro ed Angelo erano cognati. Angelo era sposato con la sorella della fidanzata di Alessandro, che tra non molto sarebbe dovuto convolare a nozze. Ieri pomeriggio si erano visti con Vincenzo Salvati, che ha una rivendita di moto in via Barrile e si sarebbero offerti di fargli compagnia per andare a consegnare una motocicletta ad un acquirente di Palma di Montechiaro. Ma al ritorno il tragico impatto ha stroncato per sempre due govani vite. Il bilancio è di nove feriti e due morti.

PROCLAMATO IL LUTTO CITTADINO

Quando ancora non si è spenta l’eco per la tragica morte dei due giovani fidanzati avvenuta il 16 febbraio scorso a seguito dell’incidente stradale verificatosi nei pressi di Poggio di Guardia, Licata da ieri sera piange la morte di altri due giovani, Alessandro Famà e Angelo Bonvissuto, morti a seguito dell’altrettanto grave incidente accaduto nei pressi di Torre di Gaffe a seguito dello scontro con un pulmino.  “Il mio primo pensiero – sono le parole del Commissario straordinario Maria Grazia Brandara – va alle giovani vittime ed ai loro familiari, parenti ed amici, ai quali esprimo il dolore ed il cordoglio di tutta la città e dei dipendenti dell’Ente. Ma il pensiero va anche agli altri nove feriti rimasti coinvolti nell’incidente che, da quanto mi è stato detto, poteva avere conseguenze ancora di gran lunga più tragiche. Non è possibile tollerare ancora questo stato di cose. Intanto, sentito anche il Presidente del Consiglio, per domani, giorno dei funerali, verrà proclamato il lutto cittadino con il quale ho disposto l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in tutti quanti gli edifici pubblici presenti sul territorio”.

“Nell’associarmi, a titolo personale ed a nome di tutto quanto il Consiglio comunale, alle espressioni di dolore e di cordoglio del Commissario, on. Brandara, per l’ennesima tragedia della strada, i nostri due giovani concittadini Alessandro Famà e Angelo Bonvissuto, – aggiunge il presidente del Consiglio comunale Saverio Platamone – non posso non ricordare la polemica ancora in corso tra questa presidenza i vertici nazionali dell’Anas ai quali già da tempo chiediamo interventi immediati e risolutivi per porre fine al grave stato di degrado in cui versa la statale 115 che tante vittime ha mietuto e continua a mietere nel tratto tra Palma di Montechiaro e Gela, attraversando il territorio comunale di Licata. Ed oggi, dopo questa ennesima tragedia pagata a carissimo prezzo, la nostra lotta non potrà che essere ancora più decisa”.