Il futuro del Cupa legato ad un filo sottile. Oggi se ne discute all'Ars

- in Attualità
840
@Paolo Picone

Agrigento, 4 marzo 2015 ore 11:14 – La speranza “legata” ad un filo sottile. Oggi la giunta regionale di governo, presieduta dal governatore Rosario Crocetta, su input dell’assessore all’Istruzione e formazione, Mariella Lo Bello, discuterà del Consorzio universitario della Provincia di Agrigento che rischia di chiudere. Il passaggio tecnico riguarda la possibilità che sarà data all’ex Provincia di Agrigento di dedurre circa 3 milioni di euro dalla spesa corrente in modo da poter “rientrare” nel Cupa. “La Regione – ha detto Mariella Lo Bello – è pronta a fare questo passaggio che consentirà alla sede staccata dell’Università agrigentina di poter restare in vita”. Intanto anche ieri mattina gli studenti del Polo universitario hanno mantenuto l’assemblea permanente. Non vogliono abbassare la guardia. Grazie anche alla bella giornata di sole, ieri mattina sono stati sistemati i banchi all’aperto. E’ stato anche redatto un documento a firma dei comitati studenteschi. “Con la cultura si mangia – è stato intitolato il comunicato stampa. “Continueremo a non frequentare le lezioni e a non fare attività didattica fino a quando le rassicurazioni verbali giunte dall’assessore Mariella Lo Bello, vice presidente della Regione Sicilia, non si tramuteranno in fatti e quindi in documenti ufficiali. Agrigento e la popolazione studentesca non meritano l’ennesima mortificazione del diritto allo studio che stavolta sembra essere decisiva. Gli studenti non escludono la possibilità di intraprendere azioni di protesta più forti rispetto a quelle attuali se nel giro di pochi giorni non dovessero arrivare i primi risultati concreti”.