I licatesi gente onesta: "Il commiato di Mariagrazia Brandara"

- in Politica
933
@Paolo Picone

LICATA. “Alla città di Licata e alla sua splendida gente”. Inizia con queste parole una lettera di commiato che il commissario straordinario Mariagrazia Brandara ha indirizzato alla città alla vigilia dell’insediamento del nuovo sindaco Angelo Cambiano. “Oggi si conclude un periodo che mi ha offerto l’opportunità di espletare il mio mandato di Commissario Straordinario in questo straordinario comune, con una esperienza che ha arricchito in primo luogo il mio patrimonio personale in termini di rapporti umani. E, al di là di ciò che possa aver realizzato, è questo il primo punto su cui voglio porre l’accento: un popolo, quello licatese, davvero unico, per umanità, capacità collaborative, e voglia di dare una svolta. In 7 mesi, ho imparato a conoscere voi cittadini licatesi, con il vostro affetto, il sostegno, le proposte, i bisogni, tanta onestà. Ho visto una città costituita da gente laboriosa, per la quale la tolleranza non significa rassegnazione e la ricerca di mediazione non è sottomissione. Gente consapevole del valore di questo territorio, che con le sue coste, la sua storia, il suo cibo, la sua natura, può candidarsi, senza ombra di smentita, a rappresentare una delle perle della Sicilia. Durante il mio mandato, ho cercato di rispolverare questa gemma, illuminarla, lucidarla con amore e passione fino all’ultimo giorno della mia attività, facendo più che il commissario straordinario, il sindaco a tempo pieno. Ho agito seguendo il mio personale credo: l’amministrazione della cosa pubblica come servizio. Sono fortemente convinta che ciascun ruolo di vertice debba obbedire a questo concetto, l’unico che può permettere a chi è delegato alla guida di qualunque apparato, di operare nel bene e creare le condizioni per una migliore vivibilità dei territori. Il mio saluto va a tutti e in primo luogo agli anziani, a cui ho dedicato parte della mia azione, ai bambini nei quali credo quale forza sana del domani, alle famiglie oneste e ricche di valori, agli operosi imprenditori fulcro dell’attività economica della città, al nuovo consiglio comunale con in testa il suo primo cittadino, certa che proseguirà quel percorso che ho iniziato e delineato, che ha visto rivivere alcuni luoghi, creare strutture e servizi, affermare il senso di legalità. A voi, vada in mio più sentito grazie per avermi arricchita della vostra realtà, della vostra capacità di accogliermi, sappiate che questa esperienza, rimarrà indelebile ricchezza per la mia anima e il mio vissuto”.