Fratelli assessori, figli e figliastri nelle liste: arriva il vento del “non” cambiamento

- in Politica
1761

LICATA 17 Giugno 2018 –  Non passano elezioni dove non si senta ripetere la storica frase “siamo il cambiamento” e Licata non fa eccezione. Ma nella terra del Gattopardo si sa, tutto deve cambiare per non cambiare niente, esempio lampante è la lista del Movimento Cinque Stelle, i fautori del cambiamento, dove gli ex consiglieri comunali Elio D’Orsi e Francesco Carità, diventati tutto d’un tratto grillini ma non ricandidabili per regole interne al Movimento, mettono in lista Melania D’Orsi e Vincenzo Carità, rispettivamente figlia del primo e nipote del secondo, che cambiamento. Quando si dice che le elezioni “spaccano” le famiglie. Succede a Licata, dove si registra la presenza di due fratelli indicati tra gli eventuali assessori di due candidati diversi: Angelo Vincenti è stato indicato da Pino Galanti, mentre Sergio Vincenti è stato designato da Annalisa Tardino.

ALTRE CURIOSITA’

Ironia della sorte le due donne candidate a sindaco hanno lo stesso nome: Annalisa.

Due degli attuali candidati figuravano anche nella lista degli aspiranti sindaco nel 2015, cioè Galanti e Mantia.

La città torna al voto dopo 3 anni perché lo scorso 9 agosto il sindaco che era stato eletto nel 2015, cioè Angelo Cambiano è stato sfiduciato dal Consiglio comunale allora in carica. E sono 4 i candidati a sindaco (in ordine alfabetico): Annalisa Cianchetti, Giuseppe Galanti, Gianluca Mantia e Annalisa Tardino. Ironia della sorte le due donne candidate a sindaco hanno lo stesso nome: Annalisa. Due degli attuali candidati figuravano anche nella lista degli aspiranti sindaco nel 2015, cioè Galanti e Mantia. Pino Galanti sarà sostenuto da 5 liste: Forza Italia, Il domani, Resto a Licata, Il volo ed Impegno primario, coalizione che fa riferimento al gruppo politico capeggiato dall’onorevole Carmelo Pullara, parlamentare regionale del gruppo Popolari ed Autonomisti all’Ars. Ci riprova anche Gianluca Mantia, con la lista “Licata un bene Comune”. Annalisa Cianchetti correrà con le insegne del “Movimento cinque stelle”. Ha svolto il ruolo di assessore nella giunta del sindaco Angelo Cambiano, che non si è ricandidato nemmeno al Consiglio comunale ma è l’ispiratore “politico” della lista del M5S. Infine la candidata della Lega e di Fratelli d’Italia: sarà Annalisa Tardino che non ha precedenti esperienze politiche. In tutto dunque, le liste sono con 210 aspiranti consiglieri comunali per un totale di 24 posti disponibili (sei in meno rispetto all’ultima legislatura).