Da Palma sognando il calcio che conta: 4 ragazzini della Gattopardo allo stage del Perugia

- in Calcio, Sport
328
@Paolo Picone

PALMA DI MONTECHIARO. Da Palma di Montechiaro a Perugia, sognando il professionismo nel calcio. Una bella esperienza personale, quella vissuta da 4 ragazzini palmesi che hanno 11 e 12 anni, tesserati con la società Gattopardo che sono stati in Umbria per partecipare ad uno stage di due giorni con lo staff del Perugia calcio. Una selezione che è stata curata dalla società che milita in serie B allenata da Alessandro Nesta. I 4 calciatori in erba, che si sono messi in evidenza, sono: Sarino Castronovo (anno 2007), Domenico Brancato (2007), Vincenzo Inguanta (2006) e Salvatore La Quatra (2006). I primi tre sono stati valutati attentamente dallo staff del Perugia che li aveva visionati in precedenza ed ha chiesto di rivederli, mentre La Quatra era alla sua prima esperienza e potrà riprovare il provino il prossimo anno. La Gattopardo da tre anni è affiliata col Perugia. Durante la permanenza in città, i 4 calciatori palmesi si sono allenati con la squadra degli esordienti. Ad accompagnarli i dirigenti: Alessandro Bonvissuto e Massimo Amato: “I ragazzi hanno ben figurato – dice Amato – è stata per loro una bellissima esperienza perché hanno avuto la possibilità di confrontarsi con una realtà diversa, hanno avuto modo di assistere agli allenamenti della prima squadra. E noi come società siamo orgogliosi del lavoro fatto perché significa che andiamo nella giusta direzione, per la crescita del ragazzo, fargli coltivare questo tipo di sogni. Essendo ancora molto giovani – aggiunge Amato – questi ragazzi saranno ancora monitorati per alcuni anni per seguire passo dopo passo la loro crescita”. I ragazzi sono stati accolti dal direttore del Perugia calcio, Mauro Lucarini. “Ringraziamo Lucarini e tutto lo staff del Perugia Academy – dice Alessandro Bonvissuto – per averci accolti. E’ il terzo anno di affiliazione con il Perugia e siamo molto soddisfatti delle linee guida che ci vengono suggerite per la crescita dei ragazzi”.