Ciotta (Cinque stelle) a Ripellino: Noi denunciamo il malaffare

- in Politica
873
@Paolo Picone

gianluca ciotta lnLICATA. Non si ferma la polemica tra Gianluca Ciotta, candidato sindaco del Movimento Cinque stelle a Licata ed il suo “avversario” politico Giuseppe Ripellino. In una nota, Ciotta replica a Ripellino sul suo incontro in ospedale, al San Giacomo d’Altopasso, con l’onorevole Salvatore Iacolino. “La celebre frase di Oscar Wilde calza a pennello – scrive Gianluca Ciotta – nel senso che ci serve la ragione su un piatto d’argento. Le nostre denunce sono politiche, pubbliche, alla luce del sole e mai per fini privati e tendenziosi. Siamo profondamente dispiaciuti per le condizioni di salute precarie del padre di Giuseppe Ripellino, ma questo cosa c’entra con nostro discorso? Noi denunciamo (mai utile come in questo momento) una situazione oggettivamente preoccupante, che è quella di una mistificazione per cui quasi tutta la classe politica licatese preferisce non dire la verità (di gran parte della cittadinanza ne è a conoscenza) sul fatto che ci siano dei retroscena che portano interessi di partito. Noi denunciamo malaffare, interessi, favoritismi, mafie e lo facciamo in piena libertà d’espressione. Perché invece di sentirsi attaccati (quasi come darci ragione) si continua a nascondere quanto appena scritto? Perché? La cittadinanza è tutta. A tutti dobbiamo rendere conto, non a pochi. E perché, candidato Sindaco Ripellino, non hai partecipato ai confronti pubblici che sono stati fatti? Un confronto, seppur con i limiti di 180 secondi, reca sempre con sé qualcosa di positivo per il paese. Buona semplice e seria campagna elettorale”.