Cambiano risponde a "Il Domani": i miei fatti contro le vostre inutili parole

- in Politica
1289
@Paolo Picone

LICATA. Angelo Cambiano non ci sta. Il sindaco di Licata non ammette speculazioni politiche e risponde alla nota del gruppo politico “Il domani” con una lettera di fuoco indirizzata alla città ed ai cittadini. Più volte dall’inizio della legislatura ci siamo rivolti alla Presidenza del Consiglio Comunale e alla parte politica che oggi si dichiara all’opposizione di chi oggi, legittimato dal popolo licatese, governa la Città. Con toni sereni e pacati abbiamo chiesto di collaborare a tutte le attività poste in essere da questa Amministrazione Comunale, disposte ed in corso di attuazione, chiedendo di discutere di contenuti ed impegnare  congiuntamente energie, entusiasmo e voglia di fare a favore della collettività. Messaggi che continuano a non essere recepiti, evidentemente perché non compresi o perché si è deciso che fare opposizione significa opporsi anche al buon governo della Città.  Si continua a puntare su presenze trionfalistiche in titoli e articoli di giornale con il solo scopo di sminuire l’attività di questa Amministrazione, ora a firma di Capigruppo  Consiliari all’opposizione, ora a firma del Presidente del Consiglio Comunale, e in ultimo, a firma de “Il Domani e i suoi Consiglieri”, difficile da definire e non degno di nessuna risposta. Non si può certo rispondere a chi sproloquia e a chi farneticando cerca di ribaltare situazioni e fatti. Si lamenta la mancanza di collaborazione del Sindaco al Consiglio. Ma collaborazione a che cosa? Collaborare al Niente? Nessuna proposta per la Città, nessun atto, iniziativa che affronti le problematiche di Licata e che sarebbero, senza dubbio, state accolte positivamente e partecipate da questa Amministrazione e dalla parte del Consiglio Comunale che oggi coadiuva iniziative, progetti, ed idee di Angelo Cambiano e della sua Giunta. Non si può rispondere ad un gruppo che ha dimostrato poca coerenza politica sposando da opportunista un altro progetto politico, a chi ha scelto apparentamenti con il solo scopo di guadagnare qualche poltrona in Consiglio Comunale. Troppa la differenza di stile, di linguaggio, di forma. Troppo differente il modo di porsi. Non ci appartiene questo modo di fare politica. Troppe le distanze. Per noi la “politica” è quella cosa (scusate il linguaggio puerile) a servizio della gente, quella cosa che ci porta a prenderci cura del bene di tutti, che ci porta ad operare scelte rivolte ai più deboli, che ci ha portato a sposare il bene comune. Rispondere opportunamente significherebbe raggiungere i livelli, che stanno proprio sul fondo, di chi in campagna elettorale ha avuto la pretesa di vantarsi di avere capacità di decidere il Sindaco della Città. Questa è arroganza. E’ arroganza quella del Presidente del Consiglio Comunale che, insolente, risponde con la frase “non si permetta più di rivolgersi a questa Presidenza con questi toni”, ad una nota con la quale nel rispetto del ruolo istituzionale che la stessa svolge, Le si ricordavano funzioni e ruoli. Probabilmente sono proprio i toni rispettosi che vengono mal compresi da certa parte politica. O forse è il contenuto della nota, che la invitava ad esercitare correttamente la funzione attribuitale dalla Legge. La stessa nota  era finalizzata unicamente a far comprendere che, nonostante il ruolo istituzionale ricoperto, il Presidente potrebbe  evitare di chiedere l’auto ai Vigili Urbani per recarsi dal Comandante dei Carabinieri, distogliendo unità da un servizio prezioso. Ma forse non lo riconosce tale, atteso che per il suo Ufficio di Presidenza, oltre a chiedere arredi e disponibilità economiche, si ostina anche a chiedere l’assegnazione di personale in forza alla Polizia Municipale. Ed ancora, la predetta nota era finalizzata ad evitarle di continuare a chiedere l’auto di rappresentanza, con tanto di autista, solo per andare a trovare il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo, in periodi in cui “le casse comunali languono (come ella stessa afferma)”, e, quando regolarmente, ogni giorno, il Sindaco della Città usa il proprio scooter per andare a fare i sopralluoghi, a proprie spese, nei cantieri per seguire i lavori che stanno ridando dignità ad una Licata per troppo tempo offesa, ed avendo fatto assoluto diniego ai propri Assessori dell’utilizzo delle auto comunali per muoversi in città.  Ma oggi, decidiamo invece di rispondere ai nostri concittadini, che sempre più numerosi ci appoggiano, che rappresentano il metro dell’azione di un buon governo e a loro chiediamo la collaborazione, quella seria, e quel positivo contributo che invano abbiamo ripetutamente chiesto e, sin dal primo giorno di insediamento, a quella parte di Consiglio che ha girato le spalle a noi e alla Città. Nei nostri concittadini è il desiderio di partecipare e di essere protagonisti delle scelte di chi oggi amministra. E a loro e solo a loro rispondiamo del nostro impegno, svolto al servizio di chi oggi condivide la nostra idea di città e svolto con l’umiltà di chi si pone in mezzo alla gente per affrontare ogni problematica. Non intendiamo, quindi, rispondere a richieste e  note provocatorie che anziché essere propositive, disturbano e paralizzano l’attività amministrativa.  Ai nostri concittadini rendiamo note le attività di appena quaranta giorni di governo e le principali problematiche che investono la Città ad oggi affrontate:

– Viadotto Petrulla: sollecito realizzazione lavori per la riapertura della S.S. 123 importante arteria di collegamento della Città;

– Operai subito al lavoro per ridare dignità ad una Città offesa da una poco attenta gestione commissariale: lavori di pulizia, scerbatura e ripristino di marciapiedi, che hanno toccato tutte le aree e i beni pubblici di Licata. Conclusa questa prima azione di massima finalizzata al ripristino delle condizioni igienico sanitarie, si ritornerà ad attenzionare Licata, zona per zona, con una pulizia sempre più accurata e migliorativa della situazione di vivibilità e di decoro;

– Ridato lustro alla Villa Elena, deputata a diventare il Parco cittadino: ripulita, riverniciata, abbellita, oggi video sorvegliata e contenitore culturale, grazie all’allestimento del palco e dei 600 posti a sedere, per permettere la programmazione di rassegne teatrali e cinematografiche, concerti musicali e qualsiasi forma di espressione culturale;

– Pulizia della Villetta di via Messico e di Via Adige e programmazione della pulizia di tutti i parchi, degli spartitraffico, delle rotonde della città (i primi interventi hanno già riguardato lo spartitraffico di P.zza Gondar e di Via Palma/Strada Prov.le San Michele);

– Ripresa del servizio di derattizzazione e disinfestazione del territorio comunale. Settimanalmente, tramite comunicato stampa vengono rese note alla Città le zone oggetto di interventi;

– Randagismo: disposta e già avviata la cattura di cento cani randagi da ricoverare presso due strutture attrezzate;

– Pulizia delle spiagge, il Comune si è sostituito alla ex Provincia, che solo a fine di Luglio attiva un servizio in forte ritardo con l’avvio della stagione estiva, con tempi inaccettabili per una città che punta sul turismo il proprio sviluppo;

– Rifacimento segnaletica orizzontale;

– Ripristino cestini raccoglitori dei corsi principali;

– Ripristino pensilina all’attesa bus di p.zza Progresso;

– Piantumazione Palma in P.zza Progresso;

– Lavori di ripristino del Ponte Federico II – intervento resosi necessario a seguito dei sopralluoghi effettuati nel mese di aprile ultimo scorso;

– Richiesta e successivo sollecito alla ex Provincia regionale per il ripristino dell’edificio di P.zza Gondar e per la manutenzione delle strade di competenza;

– Consegna dei lavori per la bonifica dell’amianto in strutture comunali;

– Affidamento dei lavori di adeguamento e ristrutturazione degli asili nido comunali Sant’Angelo e San Giuseppe;

– Manutenzione Strada C/le Licata Camera, per consentire ai produttori agricoli di raggiungere i propri fondi;

– Installazione di pedane per rendere fruibile l’accesso alla spiaggia di Marianello anche ai diversamente abili.

– Sono state acquistate anche due carrozzine per consentire il bagno a mare ai diversamente abili;

– Consegnati dall’Anas i lavori del viadotto Salso. I tecnici dell’Anas sono stati ricevuti a Palazzo di Città ed è stata avanzata la richiesta della manutenzione straordinaria della tratta Torre di Gaffe/Gela. Sono già iniziati i lavori per il rifacimento dell’asfalto lungo la S.S. 115 e della segnaletica orizzontale e verticale;

– Partiti i lavori per il rifacimento del tetto della Chiesa di san Francesco e per renderla fruibile;

– Illuminazione: ripristinata l’illuminazione in di Via Pastrengo, un quartiere al buio da più di sei mesi, nella Villa Elena, in Via Borromini ed in diverse strade di Licata, si sta procedendo anche ad una attenta valutazione di tutti i punti luce;

– Tutta l’attività del Dipartimento di Polizia Municipale è stata oggetto di particolare attenzione da parte di questa Amministrazione, perché la situazione attuale, che vede una città in balia di chi esercita il commercio abusivo, di chi occupa abusivamente il suolo pubblico, di chi l’ha fatta oggetto di scavi per dei lavori, quelli della rete idrica, necessari ed indispensabili, ma che andavano sicuramente meglio programmati e seguiti con attenzione, è da addebitare alla mancanza di appositi interventi di controllo del territorio. E i verbali e le contestazioni a carico di Girgenti Acque non sono certo mancati in questo mese. Infatti sono state elevate contravvenzioni per l’importo totale di circa euro cinquemila. Proprio per programmare ed intensificare l’attività di controllo sul territorio, il Sindaco ha incontrato il Dirigente del Commissariato di Licata, il Comandante dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dell’Ufficio Circondariale Marittimo, i quali hanno assicurato la propria disponibilità;

–  Programmazione delle attività per il rilancio del centro storico e avvio del progetto “Questa è la Strada Giusta”: con la collaborazione di commercianti e cittadini, giorno dopo giorno, Licata cambierà il suo aspetto.

– Definizione del calendario delle manifestazioni estive;

– Sono state acquistate quaranta fioriere e cestini raccogli rifiuti per rendere più decorosa la nostra Città;

– Sono stati riattivati i pannelli informativi per le comunicazioni di servizio e degli eventi;

– Posizionamento della nuova segnaletica turistica;

– Programmazione di attività culturali in sinergia con le Associazioni Licatesi, ed in particolare con l’Associazione Culturale Licatese 1971 e Lions Club;

– Riapertura del Bando per permettere alle Associazioni di recente costituzione e per garantire a tutti di partecipare alla Consulta Comunale, per poter operare in sinergia con l’Amministrazione;

– Riapertura dei siti Archeologici, Storici e Monumentali e avvio della convenzione con il Villaggio Turistico “Serenusa” per l’organizzazione di escursioni guidate per gli ospiti della struttura;

– Avviato protocollo d’intesa con la Soprintendenza ai Beni Culturali. Alla stessa Soprintenza è stata sollecitata la riapertura del Museo Archeologico della Badia, l’utilizzo e la fruizione del Chiostro della Badia, del Castel Sant’Angelo e dello Stagnone Pontillo, con lo scopo di valorizzarli e trasformarli in contenitori culturali;

– Ottenuta la fruizione del Faro di Licata, uno dei simboli della Città, e stabilite tre giornate per la visita durante la stagione estiva;

– Regolamentate le isole pedonali e le aree da destinare a parcheggio: Banchina Marinai d’Italia e zona antistante il Comando di Polizia Municipale;

– Avvio dei servizi offerti dall’Infopoint Turistico di Viale XXIV Maggio, inaugurato da questa Amministrazione e restaurato con i fondi del GAC, i cui rappresentanti, ricevuti a Palazzo di Città, hanno convenuto con l’Amministrazione la realizzazione di percorsi turistici-rurali, da proporre di concerto con i Comuni che fanno parte del GAC;

– Avviate le Borse Lavoro e i Voucher;

– Ampia disponibilità, collaborazione e partecipazione alle attività parrocchiali cittadine nell’organizzazione dei GREST. E’ stato messo a disposizione lo scuolabus comunale e i mezzi di trasporto cittadini;

– Affrontato il rischio di distacco di energia elettrica per fatture non pagate. Si è intervenuti con una prima liquidazione di euro 580.000,00 e con la rateizzazione della restante somma;

– Convocazione ed incontri con l’Ato Idrico, con Girgenti, Gestore del servizio Idrico Integrato, con il RUP e le Ditte che stanno eseguendo i lavori di rifacimento della rete idrica in Città: stato dei luoghi, fasi dei lavori e programmazione degli stessi al fine di assicurare l’acqua h 24 a Licata;

– Convocazione e sopralluogo al Depuratore per accertarne, con tutti i soggetti interessati, gestori e controllori, lo stato di fatto ed il funzionamento dello stesso;

– Sopralluogo al mercato ortofrutticolo per operare la verifica dello stato dei luoghi e disporre gli opportuni interventi necessari ad esprimere una positiva svolta all’attività dello stesso;

– Avvio di una serie di servizi socio sanitari, previsti dal Piano di zona del Distretto socio sanitario D5, tra cui  PUA (Porta Unica d’Accesso), Equipe Multidisciplinare, Assistenza domiciliare ai portatori di handicap, Attività educativa domiciliare ai minori;

– TARI: determinate le condizioni per abbattere le aliquote Tari, in media del 30% a favore dei commercianti e proposto l’abbattimento a favore delle utenze domestiche per l’anno 2015;

– PUNTO Nascite e problematiche della Sanità a Licata: discussi e programmati interventi nel corso della riunione con il Manager Salvatore Lucio Ficarra. Richiesto un tavolo tecnico urgente all’Assessorato Regionale alla Sanità, per intervenire sulla annunciata chiusura del punto nascite a Licata;

– Disciplinata la distribuzione dei volantini con apposita Ordinanza sindacale per combattere un fenomeno che è causa di imbrattamento del suolo pubblico, a seguito della quale sono già schioccate le prime multe;

– Avvio progetto di rilancio del settore agricolo: si sono tenuti già i primi incontri a Palazzo di Città con i rappresentanti di Valfrutta e RLA,  finalizzati alla valorizzazione dei prodotti dell’agricoltura locale;

– Presentazione di 2 progetti di riqualificazione del centro storico: C.so Vittorio Emanuele e piano Quartiere e relativa richiesta di finanziamento per un milione di euro;

– Collegamenti marittimi tra Licata e le Isole della Sicilia: proposta di inserimento della Città nei circuiti marittimi di Lampedusa, Linosa, Pantelleria, Isole Egadi e Isole Eolie, per attirare a Licata il turismo delle isole;

– Richiesto incontro alla Direzione Regionale di Trenitalia, per discutere di collegamenti, pulizia delle aree di pertinenza delle Ferrovie e della Stazione Ferroviaria di Licata e dello stato dell’area ad essa adiacente;

– Riconoscimento delle Bandiere Blu, delle Vele e dell’inserimento nella Guida di Legambiente delle spiagge più belle di licata. Avviata la procedura per la candidatura delle spiagge di Licata.

Quanto sopra a sostegno della dignità di chi è stato eletto dai cittadini che hanno confidato, e che sempre più numerosi continuano a confidare, nell’impegno, nella competenza e nella responsabilità di chi con passione, entusiasmo, interesse, attenzioni, e umiltà si pone a servizio della Città.