Aggredito e morso da un randagio il segretario del Licata calcio

- in Cronaca
1153
@Paolo Picone

LICATA  Brutta avventura per il segretario del Licata calcio, Claudio Cammarata, accerchiato ed aggredito, nei pressi dello stadio Dino Liotta da un branco di cani randagi che stazionano nella zona. Il dirigente della società di calcio è stato ferito alla coscia, da un morso di un cane ed ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso”. I sanitari lo hanno curato e medicato e poi hanno sottoscritto il referto che è stato trasmesso alle forze dell’ordine. Per fortuna la ferita non era profonda ma Cammarata ne avrà per qualche giorno, prima di ristabilirsi completamente. L’episodio si è verificato martedì nella tarda serata. Il direttore sportivo del sodalizio licatese era appena uscito dallo stadio quando si è ritrovato davanti un branco di 7 cani randagi che lo hanno preso di mira. Inizialmente lo hanno strattonato e poi uno di loro lo ha morso. Un episodio simile si era registrato qualche settimana fa quando un altro branco di randagi aveva aggredito un dipendente comunale in pensione. L’aggressione era accaduta in via Salita Santamaria alle spalle del municipio. Anche in questo caso l’uomo aggredito e ferito si era rivolto ai medici del nosocomio licatese, per le cure del caso. I randagi ed il canile comunale sono alcuni dei problemi principali e più urgenti a cui prestare particolare attenzione a Licata. Per questo motivo, il sindaco Giuseppe Galanti e l’assessore con delega al randagismo, Laura Termini, hanno tenuto un tavolo tecnico che si è tenuto in municipio, alla presenza dei medici veterinari, del dirigente delegato della Polizia Municipale, Giovanna Incorvaia e del tecnico comunale Salvatore Bugiada, coordinatore dei servizi ambientali del Comune. Si è tratto di un incontro interlocutorio grazie al quale l’amministrazione comunale ha tratto utili indicazioni ai fini della successiva individuazione degli interventi da programmare per la soluzione del problema del randagismo.46